Negli ultimi anni l’uso sempre più ampio del tessuto adiposo autologo in chirurgia estetica, i progressi ottenuti con la ricerca scientifica, la non accettazione da parte di alcune pazienti di avere materiale artificiale alloplastico (protesi di silicone) nel corpo, così come gli esiti cicatriziali (anche se minimi) e le reazioni dell’organismo alle protesi, hanno portato allo sviluppo di una tecnica alternativa alla mastoplastica additiva tradizionale per aumentare il volume del seno.

L’aumento del seno con il proprio grasso è una tecnica che si esegue in anestesia generale e prevede il prelievo di grandi quantità di grasso, mediante apposite cannule, dalle comuni zone della liposuzione (cosce, fianchi, addome…), la preparazione e il trapianto del grasso stesso nella mammella in un piano sottocutaneo e retroghiandolare mediante piccole incisioni.

La persistenza del grasso a distanza di un anno secondo la letteratura scientifica internazionale (se vengono rispettate le moderne tecniche di prelievo, trapianto e la scelta delle aree di reimpianto) è del 60-70%.

I più comuni effetti collaterali sono sovrapponibili a quelli di una liposuzione, quindi edema ed ecchimosi che si risolvono spontaneamente nel giro di due settimane.

Questa procedura mini-invasiva non può essere considerata come un sostituto della mastoplastica additiva tradizionale, in quanto il volume  e la proiezione della mammella che è possibile ottenere sono abbastanza limitati. Inoltre non tutte le pazienti possono “offrire” le ragguardevoli quantità di grasso necessarie. Rappresenta, tuttavia, una tecnica interessante nelle pazienti che rifiutano le protesi, che hanno un’aspettativa di risultato di un volume modesto del seno, ma soprattutto, a mio avviso, utile nella correzione di asimmetrie, da lievi a moderate.

protesi anatomica

Dott. Stefano Gigliotti
Chirurgo Plastico

 

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *